.
Annunci online

 
pennyred 
- "Penny, ma non dovevi pulire casa?" - "L'ho fatto...ma si è incasinata di nuovo".
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
 
  cerca

counter hit make
   >> pennyred@yahoo.it


****************************




Many thanx to: 

****************************

Perchè questo blog?
Deliri e stronzate di una trentenne divisa tra due uomini: Dudi e Mattia. Gli unici della sua vita.
Iperattiva, impulsiva, scassapalle, svarionata e maldestra.
Ma anche generosa e disponibile, simpatica e brillante.
E un tantino modesta.
Alle prese con pannolini, pappe, casa, ufficio, shopping e aperitivi.
Perennemente in rosso e con la carta di credito infuocata.









****************************

"Chi beve solo acqua,
ha un segreto da nascondere..."

Charles Baudelaire

****************************

Odio, come odio le porte di Ade, colui che altro dice e altro cela nell'animo.

Achille, Iliade IX, 312

****************************

Uno stile di vita, mica no.



****************************

"Non mi ricordo precisamente quando, ma deve essere stato poco dopo che ci siamo conosciuti, mi avevi insegnato che se pieghi un biglietto da un dollaro nel senso della lunghezza e poi lo lisci di nuovo, i distributori automatici lo accettano quasi sempre. Che tu sia maledetta per questo. Ci sono così tante persone che ho dimenticato, persone che mi piacevano molto più di te, persone che non sapevo nemmeno di conoscere, finchè non le nomina qualcun altro e io mi chiedo che ne è stato di loro, perchè mi piacevano. Ma non tu. Ora mi toccherà ricordarmi di te in ogni aeroporto, in ogni palestra, in ogni tromba delle scale. Grazie al tuo trucchetto, non riuscirò mai a dimenticarti.
Che tu sia maledetta per questo."

"girls" di Nic Kelman


****************************




****************************

"Sabbia a perdita d'occhio, tra le ultime colline e il mare - il mare - nell'aria fredda di un pomeriggio quasi passato, e benedetto dal vento che sempre soffia da nord.
La spiaggia. E il mare.
Potrebbe essere la perfezione - immagine per occhi divini - mondo che accade e basta, il muto esistere di acqua e terra, opera finita ed esatta, verità - verità - ma ancora una volta è il salvifico granello dell'uomo che inceppa il meccanismo di quel paradiso, un'inezia che basta da sola a sospendere tutto il grande apparato di inesorabile verità, una cosa da nulla, ma piantata nella sabbia, impercettibile strappo della superficie di quella santa icona, minuscola eccezione posatasi sulla perfezione della spiaggia sterminata. A vederlo da lontano non sarebbe che un punto nero: nel nulla, il niente di un uomo e di un cavalletto da pittore."

"Oceano Mare" di Alessandro Baricco



****************************

MARE DENTRO

Mare dentro, in alto mare - dentro, senza peso
nel fondo, dove si avvera il sogno: due volontà
che fanno vero un desiderio nell'incontro.
Un bacio accende la vita con il fragore luminoso di una
saetta, il mio corpo cambiato non è
più il mio corpo, è come penetrare al centro
dell'universo:
L'abbraccio più infantile, e il più puro dei
baci fino a vederci trasformati in
un unico desiderio
Il tuo sguardo il mio sguardo, come un'eco
che va ripetendo, senza parole: più dentro,
più dentro, fino al di là del tutto, attraverso
il sangue e il midollo.
Però sempre mi sveglio, mentre sempre io voglio
essere morto, perché io con la mia bocca
resti sempre dentro la rete dei tuoi capelli.

(Ràmon Sampedro)





****************************

"Signorina, lei con quegli occhi mi spoglia. Spogliatoio!"
Totò


****************************



http://dilwica.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=1069736
Clicca qui per il video
(grazie Dilwica)

****************************

DISCLAIMER
Il presente sito non costituisce testata giornalistica, non ha, comunque, carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilita' dei materiali. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001. L'Autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. I commenti anonimi saranno cancellati.
Alcune delle foto presenti su questo blog sono state reperite in internet: chi ritenesse danneggiati i suoi diritt d'autore può contattarmi per chiederne le rimozione.

****************************


 

Diario | Pensieri e Parole.... | Photos | Shopping! | Stronzata del giorno.. | E fattela 'na cazzo di risata..... | Waiting for summer... | Riflessioni "fancazziste" | Questi pazzi, pazzi clienti | Gli exploit di Dudi | La rana dalla bocca larga | Il piccolo principe | No. L'Ikea,no. | Punti Fragola, mes amour | Cuore Rossonero |
 
Diario
1visite.

5 marzo 2007

Per non farmi mancare niente.....

Dopo 6 ore di travaglio e un cesareo d’urgenza, sabato 17 febbraio alle 3.06 nasce Mattia.
3,700 kg per 51 cm.

Vi risparmio i dettagli (contenta Mae??).
Vi dico solo che in nove mesi di gravidanza non ho avuto il minimo fastidio... e che mi succede a 40 settimane 4 giorni??
Mi presento all’accettazione della Mangiagalli con un travaglio ben avviato, secondo la ginecologa di turno, e 38 di febbre. Bei momenti.
Il top l’ho raggiunto da mezzanotte alle 2.30 con dolori lancinanti e nemmeno la possibilità di aggrapparmi alla tanto desiderata epidurale. Eh si, perché se hai la febbre (di natura sconosciuta) col cazzo che l’anestesista te la fa.
Così dopo aver spaccato una mano al povero e premurosissimo Dudi e aver tirato giù diversi porconi, alla frase “signori dobbiamo procedere con un cesareo” mi si sono spalancate le porte del Paradiso.
Comunque tutto bene quel che finisce bene, come direbbe l’agente Huber.
Mi sono fatta 5 giorni d’ospedale (due attaccata alla flebo e tre a brodini e purè) e c’è di buono che dei 15 chili presi non me n’è rimasto addosso nemmeno uno. 
Una volta varcata la soglia di casa mi sono guardata allo specchio e ho visto un’altra donna. Un palloncino sgonfio.

Il rientro è stato a dir poco traumatico. La prima notte, alle quattro del mattino, io e Dudi ci guardavamo negli occhi sbalorditi. Avevamo sul fasciatoio un antifurto della Gemini, non un bambino.
Le mie giornate le trascorro a tette all’aria. Mattia è uno squalo. Ogni due ore vuole la sua poppatina, poi tra una scoreggetta e una cagatina si addormenta. Ovviamente a quel punto lo cambio. Si sveglia e manifesta il suo disappunto con un rigurgitino. Poi pulito e profumato si riaddormenta e io vado togliermi lo scafandro, perché – viva i maschietti - nostro figlio ha un idrante al posto del pisellino e sembra preferire di gran lunga le magliette di mamma e papà ai pannolini.
Poi  per un’ora, o se ci va di lusso anche due, in casa regna la quiete e allora io approfitto di quei momenti per dormire/lavarmi/mangiare/vivere.
Dudi in tutto questo è un papà fantastico, lo cambia, lo coccola, lo fa addormentare. 
 
L’ultima volta li ho trovati in cucina davanti alla tivù sintonizzata su MTV. 
Mattia a pancia in giù sul braccio di papà. Dudi con un sorriso grande così mi dice:” ho trovato il modo per farlo addormentare. Musica... e via”.

Comunque nonostante le ridottissime ore di sonno e la lenta ripresa dal cesareo, prendersi cura di Mattia è una gioia unica.  Indescrivibile.




permalink | inviato da il 5/3/2007 alle 17:38 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (57) | Versione per la stampa
sfoglia
febbraio        maggio